.
Annunci online

 
SandroFeola 
La comunicazione avviene solo quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
1visite.

23 marzo 2007

Incredibile, leggete un po'...

“Sono state più di un centinaio, quelle <<spedizioni>>, per lo più in Abruzzo. E, in principio, nessuno ne sapeva niente, né in Vaticano né tra i giornalisti. La prima volta fu quasi una <<fuga>>. Da tempo desideravamo che il Santo Padre potesse non solo sciare, ma rituffarsi nella vita normale della gente, e perciò decidemmo di tentare. Non ricordo di chi fosse stata l’idea iniziale, ma probabilmente fu un’iniziativa collettiva, nata a tavola. E comunque, la località prescelta, Ovindoli, venne suggerita da don Tadeusz. Se non ricordo male, era il 2 gennaio 1981. Partimmo verso le nove con la macchina di don Josef, per non dare nell’occhio all’uscita dal palazzo di Castelgandolfo, dove c’erano le Guardie Svizzere. Don Josef era l’autista e, accanto a lui, don Tadeusz faceva finta di leggere il giornale, tenendolo tutto aperto per <<coprire>> il Santo Padre, che era dietro, e io stavo vicino a lui.

Don Jozef guidava con estrema cautela, rispettando i limiti di velocità, rallentando alla vista delle strisce pedonali. Immaginiamoci che cosa sarebbe successo nel caso di un incidente, o se la macchina si fosse guastata! Passammo per vari paesi, così il Papa, da dietro i vetri, poté gustarsi quelle scene di ordinaria vita quotidiana. All’arrivo ci fermammo fuori Ovindoli, vicino a una delle piste, ma dove non c’era quasi nessuno. E lì cominciò quella giornata meravigliosa, indimenticabile. Le montagne attorno. La natura tutta imbiancata. Quel gran silenzio che ti permetteva di concentrarti, di pregare. Il Santo Padre riuscì anche a sciare. Era contentissimo per quel <<regalo>> che gli avevamo fatto. Sulla via del ritorno, sorridendo, ci disse :<<Eppure siamo riusciti!>>.

Anche nelle escursioni successive cercammo di scegliere luoghi solitari. Ma, volendo andare su certe piste, non sempre potevamo evitare la gente. E poi, perché preoccuparsi tanto? Il Santo Padre si comportava come un normalissimo sciatore. Era vestito come tutti: tuta, berretto e occhiali scuri. Si metteva in fila con le altre persone – ma noi avevano sempre l’accortezza di stargli uno davanti e un altro dietro – e con lo skipass si serviva degli impianti di risalita. Sembrerà incredibile ma nessuno lo riconosceva. Anche perché chi poteva immaginarsi che un Papa andasse a sciare?! Uno dei primi a scoprirlo fu un bambino, non avrà avuto più di dieci anni.

Era pomeriggio tardi. Io e don Jozef eravamo andati avanti. Don Tadeusz, dopo aver fatto la discesa, s’era fermato sul pendio aspettando il Santo Padre. In quel momento, più sotto, era passato un gruppo di fondisti; e dopo un po’, rimasto evidentemente indietro, ecco quel ragazzino, trafelato, affannato. Chiese: << Li hai visti?>>. E mentre don Tadeusz gli indicava il sentiero, quello si volto a guardare il Santo Padre, giunto proprio allora. Rimase a bocca aperta, gli occhi stralunati, poi cominciò a urlare: <<il Papa! Il Papa!>>. E don Tadeusz: <<Ma che dici, stupido! Pensa piuttosto a spicciarti, guarda quelli li perdi…>>. Il ragazzino sparì all’inseguimento degli amici, e noi, arrivati giù, ci sbrigammo a salire in macchina e a ripartire per Roma… “

da: "Una vita con Karol", Stanislao Dziwisz, Rizzoli.




permalink | inviato da il 23/3/2007 alle 17:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile