.
Annunci online

 
SandroFeola 
La comunicazione avviene solo quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
1visite.

20 agosto 2007

"Politici uscite dai palazzi!"

“Noi cristiani non possiamo tenere gli occhi chiusi di fronte ai mali che affliggono la nostra società, come la mancanza di lavoro, l’inadeguatezza dei servizi sociali, la precarietà dell’assistenza, le vecchie e nuove povertà, le attese dei giovani, la violazione dei diritti personali, l’indifferenza o il disprezzo dei più deboli ed emarginati. Commetteremmo il peggior male se rimanessimo indifferenti alle ingiustizie, alle sofferenze e al dolore di tanti che patiscono la fame e la sete, indifferenti all’abbandono di milioni di bambini rimasti senza genitori e sfruttati per bassi interessi. In questo giorno di festa vorrei che tutti, i detentori del potere e i cittadini comuni, avessero un sussulto di solidarietà e di carità, per un impegno più fattivo e convincente nell’alleviare le sofferenze fisiche e morali di tanta parte della nostra gente. Forse è giunto il tempo di uscire dalle stanze e dai palazzi per stare in mezzo al popolo, vivere la realtà spesso drammatica, che ci circonda; farci avvicinare dalla gente, ascoltare, capire, condividere, farci carico, decidere e realizzare veramente e concretamente le cose, secondo una scala di priorità dei bisogni e delle urgenze”

Crescenzio Sepe




permalink | inviato da sandrofeola il 20/8/2007 alle 9:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre