.
Annunci online

 
SandroFeola 
La comunicazione avviene solo quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
347279visite.

25 dicembre 2007

Non voglio fare gli auguri a nessuno..

Ieri sera, dopo aver provato i canti per la Messa della notte, Angelo mi ha ricordato che i nostri barré perle chitarre erano consumati e le nostre corde di riserva finite. Pur essendo le sei di sera della vigilia di Natale, siamo corsi a Benevento per comprare il necessario. Lungo la strada poche macchine, pensavamo di trovare traffico e invece quasi nessuno. “Saranno tutti a preparare il cenone”, ci siamo detti. In men che non si dica siamo arrivati in città. Ad uno dei semafori un ragazzino, certamente extracomunitario, vendeva fazzoletti sotto la pioggia, avrà avuto al massimo 12 anni. Per un attimo ho immaginato che essendo musulmano questo giorno per lui fosse uguale a tutti gli altri. Quando gli abbiamo fatto gliauguri ci ha sorriso ringraziandoci sinceramente. Di lì a poco sarebbe andato a consumare un pasto alla mensa della Caritas.

Ieri sera quel ragazzino, a differenza di tanti noi ”cristiani”, avrà compreso il senso vero di questa nostra festa. E sì, perché mangiando alla mensa dei poveri si sarà chiesto il motivo per il quale dei giovani sacrificano il cenone della vigilia rinunciando a stare con i familiari per cucinare e per servire un pasto caldo a degli estranei, per giunta di fede diversa. E così avrà capito che Gesù nasce povero per i poveri, per i disperati come lui, ridotti in povertà per finanziare la nostra ripugnante opulenza e il disgustoso spreco di cibo di questi giorni.

Non ho più voglia di fare gli auguri a nessuno. E non ho voglia più di ripetere come un ebete questo rituale ormai pagano dello scambio ipocrita di tutto ciò che è superfluo, di tutto ciò che “doniamo” solo per compiacere noi stessi e la nostra vanità. D’ora in poi non voglio festeggiare più ‘questo’ natale, e l’unica cosa che augurerò a tutti è che questo nostro occidente possa ridursi alla stessa miseria e alla disperazione di quel ragazzino che alle sette di sera del 24 dicembre vendeva fazzoletti sotto la pioggia. Perché lui, povero musulmano, di cosa sia il Natale ne sa molto più di noi. 




permalink | inviato da sandrofeola il 25/12/2007 alle 15:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio