.
Annunci online

 
SandroFeola 
La comunicazione avviene solo quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
347243visite.

25 febbraio 2008

Vi racconto un miracolo..

Credete nei miracoli? Ve ne racconto uno. Ma non uno di quelli che fa notizia, non una guarigione inspiegabile. Vi racconto un miracolo “ordinario”, uno di quelli che non finisce sulle prime pagine dei giornali e dei telegiornali, uno di quelli che però scandalizza i benpensanti e tutti gli intruppati nell’esercito dell’ ”ottusa normalità” di questa nostra società, tanto moderna quanto votata al disprezzo della vita umana. Vi racconto il miracolo di un ragazzo che l'altro ieri ha sposato una ragazza affetta da una malattia che l’ha costretta sulla sedia a rotelle e che ogni giorno che passa le toglierà sempre di più la possibilità di muoversi. Vi racconto il miracolo di due giovani felici. Proprio così, lei era felice e si vedeva. Felice di essere nata e di vivere, felice di sposare l’uomo che ama. E anche lui era felice, e si vedeva. Felice di amare quella donna così com’è, con i suoi limiti motori. Ho assistito a quel miracolo perché il sacerdote che ha celebrato le nozze ha chiesto ai ragazzi di animare con le loro chitarre, di far una sorpresa a questi sposi che per la cerimonia avevano chiesto sobrietà. Loro hanno voluto esserci. E non l’hanno fatto per pietà, ma per condividere con la loro presenza quella vita. Sì, quella vita e non certo quella di chi pretende di stabilire che un uomo sulla sedia a rotelle non possa essere felice a prescindere e che pertanto vada ucciso nel grembo materno. La stessa vita di chi poi magari si suicida perché non ha i soldi per comprarsi i jeans di dolce e gabbana o perché non assomiglia a nessuno dei modelli della pubblicità della Vodafone.




permalink | inviato da sandrofeola il 25/2/2008 alle 15:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo