.
Annunci online

 
SandroFeola 
Chi 'ragiona' troppo non vuol bene a nessuno
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
1visite.

18 marzo 2017

A PROPOSITO DELLA COMUNICAZIONE RENZIANA

In questi tre anni di governo Renzi, la comunicazione è stata caratterizzata dalla continua indicazione di realtà e persone vincenti: penso, ad esempio, a Marchionne, Apple, Zuckerberg. Probabilmente un modo di diffondere ottimismo e, al contempo, di “trasferire” sull’Esecutivo l’immagine di una squadra vincente, efficiente, accattivante come quella di chi, nonostante la crisi, è cresciuto ancora e si è affermato ulteriormente, non solo in Italia. A quanto pare, però, qualcosa non ha funzionato.

Chi ha pensato le strategie di comunicazione avrebbe dovuto valutare la necessità di trasmettere l’immagine di un premier sì risolutamente riformista, ma innanzitutto consapevole delle difficoltà del Paese. Tanto l’operaio in cassa integrazione quanto l’impiegato pubblico e il piccolo imprenditore lo avrebbero preferito al continuo richiamo a figure e realtà di successo, per nulla interessate dalla difficile congiuntura economica. Un’immagine, questa, che non ha consentito a Renzi di entrare in sintonia con gli italiani - purtroppo la maggioranza - provati dalla crisi economica o semplicemente preoccupati per il proprio futuro.

Il 4 novembre gli italiani hanno bocciato la riforma costituzionale perché hanno detto ‘No’ ad una rappresentazione del Governo che, paradossalmente, non corrispondeva alla realtà. E’ innegabile, infatti, che Renzi e i suoi ministri siano riusciti con caparbietà a varare riforme attese da decenni e ad adottare provvedimenti rispondenti alle esigenze dei ceti sociali più deboli. Peccato, però, che lo abbiano comunicato nella maniera sbagliata.




permalink | inviato da sandrofeola il 18/3/2017 alle 20:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio