.
Annunci online

 
SandroFeola 
La comunicazione avviene solo quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
1visite.

26 gennaio 2009

Delusione Obama

Obama inizia male. Anzi, inizia contraddicendosi: chiude Guantanamo perché è un luogo dove non si rispetta la vita umana e poi finanzia le associazioni che promuovono l’aborto. Insomma, salva i terroristi dalle torture e condanna a morte migliaia di bambini. In molti in America già rimpiangono Bush..




permalink | inviato da sandrofeola il 26/1/2009 alle 13:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

23 gennaio 2009

Il "dilemma" Udc

Cosa accade nell’Udc? E’ un partito in evidente difficoltà.  Ma non elettorale, stando ai sondaggi che danno  il partito di Pierferdinando Casini tra il 5 e il 6%. Il nodo è tutto politico e le contraddizioni che ne derivano finiscono per emergere platealmente, dando l’idea di un partito sostanzialmente allo sbando. Centrodestra o centrosinistra?

Assodato il fallimento del progetto, per la verità velleitario, della cosiddetta costituente di centro, rimane il dilemma della scelta della coalizione che i dirigenti dello scudocrociato vivono con evidente angoscia. Pierferdinando Casini ha tutto l’interesse a portare il partito verso il PD, cosa che gli consentirebbe di tornare a sperare in una candidatura per Palazzo Chigi. La base del partito, e qui siamo al paradosso, la pensa in modo diametralmente opposto. Questo dato emerge non solo dalla collocazione dell’Udc nel centrodestra in quasi tutte le giunte locali, ma anche dai continui sondaggi che non mancano di registrare il malessere dei militanti per una linea ondivaga che strizza l’occhio al Partito Democratico.

L’esito del vertice tenutosi ieri a Roma tra Cesa, Casini e De Mita, conferma l’empasse e, grazie al sistema elettorale del doppio turno, rimanda, ancora una volta, una decisione ineludibile sulla quale nessuno si trova d’accordo: centrodestra o centrosinistra? A questo punto difficile fare previsioni, De Mita e quella parte di elettorato che fa capo a Zinzi, non vogliono andare con il PD, Casini si allontana sempre di più dal PDL. Ma i nodi prima o poi verranno al pettine e ancora una volta ci ritroveremo con un partito costretto a registrare  nuove definizioni.


www.cinquecitta.it




permalink | inviato da sandrofeola il 23/1/2009 alle 12:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

20 gennaio 2009

Kaka' belongs to Jesus...E non pensa solo ai soldi

Questo ragazzo, oltre ad essere un grandissimo calciatore, è anche un cristiano e lo dimostra con la stessa semplicità e determinazione con la quale mette il pallone in rete. Qualche giornalista, commentando le sue prodezze e la sua maglietta post-partita, lo ha definito “integralista religioso”.

Vorrei capire perché una persona che secondo i canoni di questa società, si è affermata ed ha avuto successo, non possa esprimere apertamente quella parte di sé che lui stesso, evidentemente, considera fondamentale per la sua esistenza, senza per questo passare come “integralista”. Vorrei capire se non siamo arrivati ad una forma di inconsapevole intolleranza verso ogni forma di manifestazione religiosa, specie se inserita in un contesto nel quale, secondo i parametri assurdi di questo secolarismo, non dovrebbe essere contemplata.

E vorrei capire se un giovane può ancora liberamente esprimere se stesso e la propria fede rifiutando di intrupparsi in questo esercito di emeriti imbecilli di chi vorrebbe ridurre la cristianità a qualcosa di anacronistico e circoscriverla dentro le mura di una sacrestia. Specie quando qualcuno la  considera come qualcosa di fastidioso per le telecamere.




permalink | inviato da il 20/1/2009 alle 10:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

14 gennaio 2009

Andreotti, Carfagna e De Mita

Al sentire che la Carfagna “apre” a De Mita ero indeciso tra il piangere e il ridere a crepapelle. Auguri senatore Andreotti, la sua Repubblica, la prima, era una cosa seria.




permalink | inviato da sandrofeola il 14/1/2009 alle 12:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (40) | Versione per la stampa

11 gennaio 2009

L'altra faccia di chi combatte la camorra

No. Non mi iscrivo al gruppo dei sostenitori di tal Saviano, non ho visto il film e non leggerò il suo libro. Mi iscrivo, invece, al gruppo dei sostenitori dei poliziotti, dei carabinieri, dei finanzieri che per mille euro al mese quotidianamente fanno i conti con la malavita e, insieme ai magistrati in prima linea, combattono la camorra. Mi iscrivo con convinzione solo a quel gruppo. Fermo restando che chi denuncia le connivenze è sempre da apprezzare e che a Saviano occorre assegnare altri cento agenti di scorta, tutto il resto mi puzza di strumentalizzazione politica e di comoda lotta radical chic.




permalink | inviato da sandrofeola il 11/1/2009 alle 20:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 gennaio 2009

Indifferenza

C’è un giornalista locale che si diverte ad attaccare Arturo Iannaccone – non solo lui per la verità - nel peggiore dei modi, cioè con l’insulto, con la derisione e con la finta satira. Fatta eccezione per gli addetti ai lavori, in pochi si accorgono dei sermoni interessati che ogni giorno costui ci propina. Non solo perché il giornale dove scrive vende, sì e no, 100 copie, ma anche perché, col poco tempo che ha, Iannaccone legge solo le rassegne stampa e bada poco al chiacchiericcio di qualche giornalista di provincia in cerca di attenzioni. Niente di preoccupante, ormai gli irpini conoscono bene il "telepredicatore" e danno poca importanza alle sue “opinioni”. Tuttavia, data l’insistenza con la quale vomita sempre le stesse fesserie, siamo costretti a dirgli di rassegnarsi: con noi si dovrà accontentare, al massimo, di una buona dose di indifferenza.




permalink | inviato da sandrofeola il 7/1/2009 alle 1:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio