.
Annunci online

 
SandroFeola 
La comunicazione avviene solo quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
1visite.

12 luglio 2010

Assolto il Tenente Canale, sui giornali non un solo rigo.

La stampa italiana, che qualche giorno fa ha scioperato per la "legge bavaglio", non ha riportato la notizia della definitiva assoluzione del Tenente Canale, inquisito per ben 15 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Si vergognino certi giornalisti: faziosi e disonesti intellettualmente.

http://www.ilvelino.it/articolo.php?Id=1164136




permalink | inviato da sandrofeola il 12/7/2010 alle 13:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

5 luglio 2010

Sordo e cieco, morto di fame... o "ucciso" perché inutile?

Lei, madre, muore di infarto; lui, figlio sordo e cieco, muore di fame a distanza di poche settimane. E’ successo alcune settimane fa in Puglia. E sapete perché? Non c’era nessuno che potesse preparare qualcosa da mangiare a Cosimo – così si chiamava. 

Possibile? Sì, possibile. Nessuno. Una notizia che dovrebbe farci rabbrividire, normale chiedersi: possibile? Ma come è potuto accadere? E invece proprio così: morto di fame. 

Ma a pensarci bene, di cosa dovremmo meravigliarci? A cosa ci siamo ridotti noi occidentali che spesso ci vantiamodi appartenere ad una “civiltà evoluta, democratica e moderna”?

Vogliamo guardare brutalmente in faccia alla realtà? E allora diciamocelo che nella nostra società non c’è più spazio pergli uomini deboli. Che la debolezza non è più contemplata e, spesso, neanche tollerata perché ai nostri occhi è diventata “fastidiosa”; che gli uomini che soffrono turbano la nostra squallida ma comoda ordinarietà e che preferiamo per questo specchiarci solo nei modelli che la tv spazzatura ci propina ogni santo giorno facendoci credere stupidamente che la vita sia quella dei ragazzi, tutti belli e spensierati, delle pubblicità. E non è forse vero che la follia di questa nostra secolarizzazione ci sta conducendo ad emarginare ogni uomo piegato dal dolore, immaginando scioccamente che ne saremo sempre immuni? Non è forse vero che anche la semplicità d’animo non è più tollerata, che la mitezza è motivo di scherno, che l’umiltà è scambiata per dabbenaggine?

Chi ha ucciso Cosimo? La nostra indifferenza. E’ retorica? No, è proprio così. L’indifferenza di chi oggi insegue il benessere a costo di sacrificare persino il tempo da dedicare ai propri figli; l’indifferenza di chi è disposto a scaricare i genitori anziani in qualche ospizio o, nella migliore delle ipotesi, in qualche istituto dove le tanto vituperate suore se ne fanno carico; l’indifferenza di chi fa finta di non vedere il nulla di ragazzi ai quali gli stessi genitori hanno insegnato che nella vita conta avere e non essere; l’indifferenza di chi fa finta di non vedere il nulla che molti giovani si portano dentro, il vuoto delle loro vite fatte solo di shopping, di cellulari e di grande fratello. 

Perché meravigliarsi, dunque, se Cosimo è morto di fame? Qualcuno si affretterà a dire che lo ha ucciso la società; falso: lo abbiamo ucciso noi, tutti noi. E non è solo un modo di dire..




permalink | inviato da sandrofeola il 5/7/2010 alle 23:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto