.
Annunci online

 
SandroFeola 
La comunicazione avviene solo quando, oltre al messaggio, passa anche un supplemento di anima
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Opus Dei
Cardinale Sean O'Malley
  cerca

Riflessioni

________


Profilo Facebook di Sandro Feola


"Tutte le cose di questo mondo non sono altro che terra. Mettile in mucchio sotto i tuoi piedi e ti ritroverai più vicino al cielo."

Locations of visitors to this page

 

Disclaimer
Tutte le immagini sono prese liberamente dal web e rielaborate personalmente. Il proprietario del blog si dichiara disponibile a rimuoverle nel caso ledessero un diritto d'autore, allo stesso modo è disposto a indicarne gli autori, qualora ne venisse fatta richiesta. Ogni eventuale segnalazione può essere inoltrata all'email: sandrofeola@msn.com . Il proprietario del blog dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi al proprietario del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.


 


 

Diario | La citazione | Riflessioni | - |
 
Diario
1visite.

23 gennaio 2018

IL MITE GENTILONI E LA COMUNICAZIONE CHE PERSUADE

E' Paolo Gentiloni il leader più amato. Il Presidente del Consiglio che gli addetti ai lavori e una classe politica malata di dinamismo, a poche settimane dal suo insediamento a Palazzo Chigi, avevano definito "floscio", "grigio", "poco incisivo", "soporifero". Ciò nonostante, il Conte non ha mai ceduto alla tentazione di uniformarsi alle pretese di una comunicazione istituzionale in balia di messaggi troppo spesso privi di contenuto, di suggestioni che lasciano il tempo che trovano, e di promesse quasi sempre realizzabili in piccola parte, e quindi facilmente contestabili.

A differenza dei suoi predecessori, la popolarità del Premier non era alta a inizio mandato, ma è via via cresciuta durante i mesi in cui ha guidato il Governo. E' una popolarità solida, che si è edificata sui fatti, sul raccontare l'Italia per quella che è, sul promettere solo ciò che si poteva veramente realizzare. Ed è un consenso - ed è quello che mi piace di più - costruito sulla quella sobrietà che si confà alle istituzioni, sulla mitezza, che comunque può essere coniugata con la determinazione, e sulla serietà che è sempre apprezzata da larga parte dei cittadini.

Gentiloni, dunque, sia modello non solo per il Pd, che dovrebbe indicarlo come candidato premier, ma per l'intera classe politica del Paese. E la sua popolarità sia da monito per chi si occupa di comunicazione istituzionale: non bastano più uno slogan, una slide, una promessa e un sorriso a 32 denti. Per persuadere gli elettori, d'ora in poi, occorrerà spiegare e argomentare. Con pacatezza e sobrietà, possibilmente.




permalink | inviato da sandrofeola il 23/1/2018 alle 8:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 gennaio 2018

Il "modello" Gentiloni

C'è qualcosa di surreale nella comunicazione preelettorale dei leader di partito. Surreale perché parte dal presupposto che gli italiani siano in larga parte pronti ad accogliere acriticamente tutte le promesse di taglio delle tasse, fino a scegliere e votare chi la spara più grossa. Il Pd, in particolar modo, farebbe bene a decidersi, invece, per una comunicazione improntata alla serietà, capace di raccontare la verità per quella che è. Non solo in termini di ciò che, in base ai conti, si potrà fare nella prossima legislatura, ma anche di ciò che è stato fatto.

Il modello è indicato da Paolo Gentiloni Siveri: è quella la comunicazione da seguire, perché supportata dai fatti, non da proclami; da programmi concretamente realizzabili, non da promesse che, come evidenzia Carlo Calenda, sfiorano ormai il ridicolo. Non è una comunicazione che "infiamma" le piazze, ma che nel tempo trasmette consapevolezza e persuade gli elettori. Ed è quello che conta davvero, molto più di quanto contino le numerose condivisioni su Facebook delle tante stupidaggini che girano in rete.




permalink | inviato da sandrofeola il 8/1/2018 alle 10:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre