Blog: http://SandroFeola.ilcannocchiale.it

Amore impossibile?

Credo, caro amico, che tu non sappia cosa significhi amore. Ed ovviamente se in te non è “definito” questo bellissimo e grande sentimento, finisci con il negarne l’esistenza e men che meno potrai “concepire” l’amore per una donna.

"Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Gv 15,13). In queste parole dell’unico e più grande rivoluzionario di tutti i tempi, Gesù di Nazaret, c’è la definizione della massima espressione dell’amore. Un amore più grande non può essere concepito. Neanche l’amore di una madre che arriva a dare la propria vita per il figlio è così grande, perché la vita è data alla carne della propria carne, mentre nella vita donata per gli amici c’è la più completa e totale gratuità.

L’amore come vedi, qui nella sua massima espressione, si coniuga con il sacrificio. Solo chi dà la vita per i propri amici, veramente ama. E chi ama non può immaginare di sfuggire alla sofferenza, alla rinuncia di qualcosa. Perché amare costa. Quale sarebbe altrimenti lo scandalo di Chi ha insegnato l’amore arrivando al suo massimo sacrificio personale? Quale sarebbe se no, lo scandalo del Cristo che va fino in fondo, che non vende solo parole vuote, ma che accetta di farsi inchiodare su una croce pur di testimoniare che la vita ha un senso solo se è fondata, appunto, sull’amore? Chi ama veramente porta inevitabilmente la sua piccola croce… Chi sfugge alla croce non ama, chi immagina una vita senza difficoltà, senza dolore, non potrà mai amare!

L
’amore per una donna, la condivisione con lei di una vita intera, il mettere al mondo dei figli, è sempre fonte di grande gioia ma anche di notevoli difficoltà, di rinunce, di sofferenze. E le sofferenze e le rinunce sono “sopportabili” solo nella misura in cui questo rapporto viene “cementato” da un vero amore. Questi sacrifici sono sopportabili nella misura in cui trovano una “giustificazione” in un grande amore e in Chi la sofferenza l’ha vissuta per noi, per indicarci la strada della felicità, fino alle estreme conseguenze. Altrimenti tutto diventa insopportabile e anche amare diventa impossibile. E credimi, una vita spesa “senza amare” per davvero è solo una vita sprecata.

Pubblicato il 20/7/2007 alle 10.9 nella rubrica Riflessioni.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web