Blog: http://SandroFeola.ilcannocchiale.it

Famiglia Cristiana, Berlusconi e l'unità dei cattolici

Credo sia utile ricordare a Famiglia Cristiana, intenta ad accusare il Cavaliere di aver diviso i cattolici, che correva l’anno 1994 quando Berlusconi, prima di decidere di scendere in campo, si rivolse a Martinazzoli, allora segretario nazionale del PPI, per sottolineargli la necessità di aggregare tutte le forze politiche alternative alla sinistra in vista del voto. Il Cavaliere aveva capito, infatti, che la nuova legge elettorale maggioritaria imponeva alle forze moderate di aggregarsi e che, in mancanza, la sinistra avrebbe avuto la strada spianata per Palazzo Chigi. Martinazzoli, che evidentemente non aveva capito un emerito fico secco, gli rispose offrendogli un seggio al Senato.

Famiglia Cristiana se la prenda con Martinazzoli, Bindi e compagnia se i cattolici di questo Paese non hanno avuto, nonostante la fine del Comunismo, un’altra opportunità per continuare, uniti, a guidare il Paese. Berlusconi ci aveva provato a svegliare chi, evidentemente, o era assopito in un sonno profondo o era vittima del pregiudizio, della testardaggine e della faziosità.

 

Pubblicato il 24/8/2010 alle 21.50 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web