Blog: http://SandroFeola.ilcannocchiale.it

Usa, la vittoria dell'egoismo

La vittoria di Trump è in larga parte frutto dell’egoismo che sempre più caratterizza le democrazie occidentali. Lo stesso egoismo che anima, ad esempio, una piccola comunità come quella nella quale vivo, che si prepara ad alzare un muro contro chi cerca un rifugio dalla guerra e dalla carestia; più o meno lo stesso egoismo di tanti americani che, pur di difendere il proprio benessere, non hanno esitato a votare chi vuole togliere il diritto alla salute ai meno abbienti, ed è stato capace, tanto per ricordarne una, di farsi beffa di un disabile.

Non si tratta di mettere in discussione il sistema economico in sé, ma di essere consapevoli che l’esistenza degli occidentali è ormai in larga parte finalizzata al solo possesso, in un contesto sempre più privo di idealità e, per certi versi, di senso. E ciò avviene inevitabilmente a dispetto delle minoranze e soprattutto dei più deboli.

Allora chiediamoci se da oggi in poi negli Usa ci sarà lo stesso spazio di prima per quel giornalista disabile sbeffeggiato dal neo presidente. E domandiamoci anche se questo spazio non cominci a mancare anche nelle democrazie europee. Non occorre andare troppo lontano: basta già solo guardare al paese o al quartiere nel quale viviamo.

Pubblicato il 9/11/2016 alle 12.20 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web