Blog: http://SandroFeola.ilcannocchiale.it

Il "modello" Gentiloni

C'è qualcosa di surreale nella comunicazione preelettorale dei leader di partito. Surreale perché parte dal presupposto che gli italiani siano in larga parte pronti ad accogliere acriticamente tutte le promesse di taglio delle tasse, fino a scegliere e votare chi la spara più grossa. Il Pd, in particolar modo, farebbe bene a decidersi, invece, per una comunicazione improntata alla serietà, capace di raccontare la verità per quella che è. Non solo in termini di ciò che, in base ai conti, si potrà fare nella prossima legislatura, ma anche di ciò che è stato fatto.

Il modello è indicato da Paolo Gentiloni Siveri: è quella la comunicazione da seguire, perché supportata dai fatti, non da proclami; da programmi concretamente realizzabili, non da promesse che, come evidenzia Carlo Calenda, sfiorano ormai il ridicolo. Non è una comunicazione che "infiamma" le piazze, ma che nel tempo trasmette consapevolezza e persuade gli elettori. Ed è quello che conta davvero, molto più di quanto contino le numerose condivisioni su Facebook delle tante stupidaggini che girano in rete.

Pubblicato il 8/1/2018 alle 10.5 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web